lunedì 26 novembre 2012

L'amaro destino dei gatti di Procida al tempo dei Borboni

immagine tratta da "Da Napoli a Procida, passeggiata"

Nel ricercare notizie sul ramo procidano della mia famiglia mi sono imbattuto in questa triste e alquanto singolare storia. Le fonti mi hanno dato informazioni insperate, ma ......

".... Lo stesso governatore scrisse poi al Fogliani (il 2 marzo 1755) d'avere, mercè una spia regolata, scoperto che i Domenicani di SM Margherita tenean nascosto un gatto " tutto bianco con una macchia cannellina sul capo „. Fattoselo consegnare, quantunque i frati negassero d'averlo, lo aveva fatto uccidere da un birro. Il Fogliani (passato da Tor Guevara a Caserta) rispose, 1'8 marzo 55, che non restava altro da fare."

"Il luogo dove si sbarca a Procida è una calata. lunga quanto la Città, che chiamasi La Marina di S. Maria Cattolica. Nulla ivi attrae l’attenzione del viaggiatore, se .non che é da osservarsi che la Città stessa è congiunta verso levante con un borgo chiamato la Madonna delle Grazie, costrutto sopra di quel colle, cui fa corona un magnifico castello. Questo forte, è ora, sguarnito di truppa e di cannoni: trovasi in esso un palazzo reale che i viaggiatori non sono soliti di visitare dacché è smobigliato. Sull'alto del Castello vedesi un Semaforo, che, verso Levante, corrisponde con quello di Capri. Dal terrazzo sul quale questo telegrafo è piantato , si gode una stupenda veduta dei due golfi di Napoli, e di Gaeta. ma dopo di aver contemplato quell’ampio spazio pieno ai rimembranze istoriche, non che di naturali curiosità, l’occhio dell’osservatore è con non minore diletto attratto verso la soggiacente Isoletta tutta amena e tutta fertile, che pare una gentil miniatura. Conteneva essa una volta tre Reali caccie di fagiani che ai particolari era proibito sotto gravi pene l’uccidere. Questi stabilimenti vennero distrutti nei tempi revoluzionari. Niuna anticchità si osserva in quest’Isola, che é interessantissima a motivo del suo fecondo territorio, e per l’industria degli abitanti, non meno che per importanza marittima , quantunque, non sia molto distinta nella storia dei tempi antichi. Gli storici l’hanno mentovata per dire che una volta formava parte della vicina Isola d’Ischia , da cui, secondo essi , l’avrebbe separata la violenza dì iin terremoto. Quest’opinione per altro non era generale neppur fra gli antichi, giacché Strabone dice che Procida era stata divisa dal capo Miseno. Alcuni naturalisti moderni , poi, analizzate le rispettive terre, onde sono composti questi diversi luoghi , hanno impugnata la possibilità di queste supposte separazioni. I primi abitanti di Procida furono una colonia di Calcidiesi ed Eritresi , di quegli stessi popoli, cioè, che anticamente occuparono Ischia. Quest' Isola acquistò celebrità per effetto del Vespro Siciliano, avvenuto nel 1282, essendo essa la Patria di quel Giovanni , promotore famoso di tale insurrezione. Egli era altronde feudatario dell’Isola, che , in conseguenza del vespro , gli venne confiscata , ma la ricuperò nell’ anno 1339, ed ottenne allora dal Re di Napoli la facoltà di venderla. Dalla sua famiglia passò infatti ad esser proprietà di altra, chiamata Cossa, e da questa ad altre , finché , soppresso nel Regno di Napoli il sistema feudale , divenne intieramente soggetta alla Corona. Il territorio di Procida è in massima parte composto di ceneri, e frammenti di lava, il che veramente par che giustifichi l’opinione che fosse una volta porzione d’Ischia. L’Isola ha sette miglia di circonferenza, e,. supposto che il viaggiatore, per farne il giro, si piarta dal Borgo di S. Maria Cattolica , e si dirigga a Ponente, incontrerà un dopo l’altro , i villaggi di Punta di Ciopeto, Cottamo , Ciracci , o Campo Inglese (quivi era una Caccia Reale), Chiajolella, Punta di Socciaro, Perillo (sul di cui territorio vi era un’altra Caccia del Re), Centano, Bosco, o Boschetto (ov’era una terza Reale Riserva ) Ulmo, Coricella , e la Madonna delle Grazie. Tanti villaggi in una piccola isola , danno da se stéssi un’idea dell’esser ella straordinariamente popolata; ci ricordiamo infatti di aver letto in qualche Statistico, che in proporzione della sua superficie, Procida è la più popolata terra del globo. Contiene da 14000 anime , e anticamente ne avea 18000. Nella sua circonferenza quest’Isola presenta diverse cale sabbiose, fra le quali evvi a Ponente quella di Chiajolella ove si costruiscono sovente dei bastimenti, ma il porto più frequentato, è quello della Città , il quale fa parte del canale fra Procida, e la Terraferma. I procidani posseggono un centinajo di grossi brigantini, e sono generalmente tenuti per buoni marinaj. La terra è sommamente fertile: produce principalmente del vino, e i frutti ivi maturano cosi primaticci che si mandano a Napoli ove si vendono cari. Vi si fabbrica una pìccola quantità di seta, e vicino alla costa , cioè fra il porto, e la Punta di Ciopeto, vi si mantiene una tonnara che da Maggio a Settembre somministra lucroso impiego a quegli abitanti. Il viaggiatore, o dopo di aver fatto il circuito dell’Isola, o andando direttamente dalla Città, dovrà recarsi a Chajolella, che ne è distante un miglio. La strada é perfettamente piana, e piacevolmente abitata. Chiajolella giace alla punta opposta dell’Isola, e vi si trovano facilmente dei battelli per passare ad Ischia. La distanza fra le due isole è di circa tre miglia. L’Isoletta disabitata, che vedesi vicino a Chiajolella, si chiama Bivaro, o Vivaro. Ivi esiste una Caccia Reale di Conigli ed è protetta da un fortino.
Estratto da: Nuova guida di Napoli, dei dintorni, di Procida, Ischia e Capri".

Pozzuoli la Terraferma, da "Da Napoli a Procida, passeggiata"

"Graditissima al Re, sin da’ primi tempi, fu l’isola di Procida, dall’aria saluberrima e dall’abbondante caccia a’ fagiani; stata già delizia di un giorno a Filippo V, che aveal confiscata all’austricante marchese Del vasto, Michelangelo D’Avalos. Questi riebbe l’isola da Carlo d’Austria, ma, vissuto lui a morte indi a poco, passata l’isola in retaggio al nipote Giambattista d’Avalos, la restaurazione borbonica trovò oberato di debiti il nuovo signore. Poté quindi, irretendolo né processi, facilmente rimettere Procida in proprietà del Re. Sequestratene sin da principio le rendite, subito si provvide, con ordini rigorosi e minuziose misure, (imposte in nome del “clementissimo” sovrano), perché nulla vi turbasse l’agevolezza della caccia reale e ne scemasse l’abbondanza.
L'isola di Procida fu il primo de’ “siti reali”. Gli ordini emanati per essa, le opere e i mutamenti eseguitivi possono tipicamente rappresentare quanto via via si venne praticando negli altri luoghi elevati all'onore di reali delizie. Il vecchio castello feudale, sul ciglione nordorientale dell'isola, sicuro, in alto, sul Canale , divenuto palazzo del re, fu riattato, rinnovato, ingrandito, decorato . Cosi si fece negli altri luoghi , costruendo di pianta dove, come a Persano, mancava un palazzo, o una villa, o una casa di riposo,. Que’ lavori durarono sia quasi al termine del regno di Carlo . Si sparsero ovunque gli ordini rigorosi, perché nulla disturbasse la reale delizia . Principalmente a quel fine, furono preposti Intendenti a què siti col soldo, che, durante il regno di Carlo, giunse a 1200 ducati , oltre la grazia della carrozza con due cavalli, cocchiere e livrea."

Nelle note si scrive ancora, ed è davvero interessante:

"Essendosi V. M. degnata comandare che coli' occasione del sequestro ordinato, e da noi eseguito, delle rendite dell'Isole di Procida ed Ischia, avessimo dovuto tenere special cura, e pensiero della Caccia, che vi è in quella di Procida, riservando la medesima sol' al suo divertimento, e dando tutte le disposizioni e previdenze opportune per lo maggior suo accrescimento, e perchè niuno ardisse ammazzare alcun Faggiano, Coniglio o altro animale abbile a cacciarsi; Dopo adempiti colla maggior vigilanza ed attenzione, ch'abbiam saputo, i suoi Clementissimì Comandamenti, eccoci ad umiliare alla sovrana sua intelligenza ciò che ci è riuscito fare per l'accerto del R. Servigio, e de' R. sovrani suoi cenni. Non ha dubbio, S. R. M. , che la Caccia, specialmente de' Fagiani trovai presentemente diminuita, e di molto, da quella ch'era nell'isola di Procida per cagione forse del poco genio, che avevavi il March. del Vasto, di cui avvedutisi i suoi offici hanno atteso più tosto a distruggerla che a conservarla. Il primo passo da noi dato per porla e presto in sistema, è stato di far numerare colla più soprafina diligenza, che si è potuto, e che altre volte si è pratticata, i Fagiani tutti che sono nell'Isola. A quest' effetto abbiam prescelto i migliori e più esperti Cacciatori e di Procida e d'Ischia, ch'avendo girata l'intiera Isola per lo spazio di tre giorni continui coll'assistenza de' nostri attuarij, ne giunsero a numerarne novantanove... Questo num. 99, anzi sino a Cento Fagiani, l'abbiam consegnati a Persone che si sono obbligate presso fatti di mantenerli, conservarli, ed esibirli ad ogni ordine di V. M, e nel caso di mancanza di uno o più di essi pagarne il prezzo a ragione di Ducati Venti l'uno... Abbiam fatto un Banno rigorosissimo, dichiarando tutta la Caccia di quest'Isola riservata sol' al divertimento R.le della M. S. e a tutti proibita. Specialmente abbiam vietato l'ammazzare i Fagiani, Conigli e qualunque specie d'Animali abili a cacciarsi, sotto pena a' Nobili di Ducati 50000, e di anni sette di Presidio chiuso; e agli Ignobili di Ducati 200, e di anni sette di Galea... Abbiam proibito generalmente in tutta 1'Isola, sue pertinenze e distretto lo sparo delle scoppette, ed a miccij ed a Grillo, sotto pena di Ducati 50 ecc.. E sol' abbiamo limitata questa proibizione di sparare nel Caso, in cui fusse, che Iddio non voglia, quell'Isola invasa da' Corsari, ò da Nemici. Abbiamo sotto ristesse prime rigorose pene proibito 'l far molestare o disturbare gli Animali suddetti con mazze, mazzarelle, canne appuntate o spontate, chiappitelli, pietre o altro istrumento di qualsivoglia sorte, siccome pur l'introdurvi o tenervi Foretti, a riserva dell'un di questi, che presentemente vi è, e del quale dovrà tenere special cura il Capocaccia da noi destinato , acciò quando la M. S. si compiacerà passare a quel divertimento se ne possa valere per cacciare i Conigli dalle Tane. Abbiam di più stabilito che, contravenendo a tali ordini le Persone Ecclesiastiche , le pene si eseguano a dirittura contro i lor Congiunti più prossimi ... Abbiamo privilegiata la prova delle Contravenzioni, stabilendo che bastino a convincere i Rei le deposizioni di un Testimonio di veduta, e di due altri de audito: Che le penne de' Fagiani ritrovate in Casa di qualched'uno, o in qualche Bosco siano indizio bastante alla Tortura.., e che la scoppetta ritrovata addosso a qualcheduno dopo intesa la botta dello sparo, faccia pur indizio a tortura... Né abbiamo omesso di promettere la metta delle sudo pene pecuniarie a chi rivelerà i Trasgressori.., siccome pur d' incaricare al Capocaccia, che invigili, acciò intomo i luoghi della Caccia, ninno tenghi Cani, o Gatte, che possano disturbarla... Capocaccia che abbiam destinato... è Andrea Guarracino... senza mercede... Per custodire però , mantenere ed aumentare la Caccia di tutte sorti d'animali, è stato prezzo eliggere otto altri Cacciatori, i quali a vicenda devono girar notte e giorno col soldo di Carlo III 15 per ciasched'uno il mese, che importano in tutto Ducati 12 per mese.. „. Come esempio caratteristico de' rapporti che usavano avere que' cacciatori col sovrano, presento qui una supplica d'uno di essi (Siti Reali, fase. 2*): S. R. M. = Signore = Francesco Schiavo. Capo Cacciatore della R. Caccia de Fagiani di V. M nell'Isola di Procida, umilmente rappresenta, come per la Dio grazia in'quest' anno l'allievo di detti Fagiani si spera possa essere più aumentato dell'anno passato, atteso che le cove si vedono, che passano più di venti, ed in buona parte di essi, sono di già usciti alla luce li Fagianelli appresso alle loro Madri, e tanto da esso supplicante, quanto dagli altri Cacciatori si sta con tutta la vigilanza possibile, acciò non .sia danneggiato il detto aumento, affinchè V. M. possa ritrovarne gran numero per maggiormente divertirsi in quella Reale delicia. Perlochè posto a piedi di V. M. la supplica degnarsi darli licenza da potersi accasare; giacche essendosi V. M. per la Dio grazia accasato, il supplicante promette a V. R.i M. non accasarsi, se prima non si accasava V. R. M., della qual grazia si compromette il Supplicante, e tutta la sua famiglia di pregare il Sig. Iddio per la lunga, e buona salute di V. M , e della Regina Nostra Signora con felicissima Prole per maggior Consolazione delli suoi Regni e fedelissimi Vassalli, ut Deus „. . Per l'opposto, circa le condizioni fatte da' bandi sovrani alla rimanente popolazione, si ebbero conseguenze deplorevoli sempre, pur quando non furono tragiche. É noto ciò che narrò il Dumas, 57, del precidano refrattario all'ordine di sterminio de' gatti. Prima di lui, lo Spiriti, IV, aveva narrato che, imposto agi' isolani di Precida di sterminare tutti i gatti , perchè infesti a' fagiani , se ne moltiplicassero tanto i topi da venirne spesso, oltreché rosi i frutti de' campi e quanto occorre alla vita, tronco il naso e cavati gli occhi e le guancie ai bimbi per avventura lasciati soli a casa dalle madri. Quanto alla revoca dell'editto insensato, affermata dal Dumas, in seguito alle minaccie della popolazione furibonda, consta ch'esso era in pieno vigore ancora presso al termine del regno di Carlo. Il governatore di Precida infatti, Domenico Pattolini , scriveva al ministro Fogliani, l'8 gennaio del 1755: * Avendo discoperto nonostante il rigoroso Banno penale che feci pubblicare con tra gli Ecclesiastici dell' esfratto per due mesi da quest' Isola, ai Civili di due mesi di Castello, alle Donne di due mesi di Carceri in Casa, ai Plebani ed alle Femmine di due mesi nel carcere pubblico, di essersi pure nascoste ed allevate tre Gatte in questo Conservatorio delle Orfane; ho fatt'ordinare ai Procurator di esso, ehe è il sacerdote D. Tomaso Ferrara , il qual parea di non averne la scienza, che avesse insinuato a Suor Sebastiana Willar, Sup.ra del Conserva., di subito mandarmele. Ed informatosi il Ferrara ha trovato esser vero, ma invece dell'effetto, fattosi pietoso alle lacrime delle Orfane, mi ha mandato per risposta, ch'egli stima troppo crudeltà, che si levassero alle medesime le Gatte, le quali stando chiuse di dentro il Conserva., non possono dannificare la Reale Caccia. Perloche conoscendo, come per la debolezza di esso, ch'è pur Confessore, dassi un positivo maraviglioso esempio di disprezzo al Banno... ho fatto ordinare al Ferrara, che frallo spazio di giorni quattro uscisse da quest'Isola per due mesi, e sentire nel medesimo tempo al Vicario, che avesse la Superiora a tal oggetto per due mesi sospesa del suo ufficio. Dopo poche ore mi anno dentro un sacco inviate le tre Gatte, le quali facendosi scappar ad una ad una, ho uccise io proprio a schioppetta... „. Rispose il Fogliani al terribile Governatore (da Caserta ai 18 genn. del 55) che, senza procedersi effettivamente all'esilio del Ferrara e sospensione della Superiora, poteva bastare la mortificazione lor data.  Lo stesso governatore scrisse poi al Fogliani (il 2 marzo 55) d'avere, mercè una spia regolata, scoperto che i Domenicani di SM Margherita tenean nascosto un gatto " tutto bianco con una macchia cannellina sul capo „. Fattoselo consegnare, quantunque i frati negassero d'averlo, lo aveva fatto uccidere da un birro. Il Fogliani (passato da Tor Guevara a Caserta) rispose, 1'8 marzo 55, che non restava altro da fare."
Estratto da: Il regno di Napoli al Tempo di carlo di Borbone".

Certamente è impressionante l'accanimento contro i gatti e le pene severissime per i trasgressori che si ritrovarono i figli morsicati dai topi, come si legge ancora.

Procida, immagine tratta da ProcidaTour
"Carlo III aveva una passione che dominava tutte le altre, la caccia, lo abbiam già detto, passione di famiglia dei Borboni, che induriva il suo cuore, e che oscurava il suo spirito. Egli aveva destinato l'isola di Procida ad essere il suo vivaio di fagiani, e colà egli faceva i suoi allievi, che così trasportava poi nei castelli reali, che egli voleva ripopolare di selvaggiume.
Or siccome i gatti erano i nemici naturali dei fagiani, grossi e piccoli, egli ordinò l'estirpazione della razza felina in tutta l'isola di Procida.
Buffon, che non saremo accusati di citar troppo spesso, soprattutto quando si parla di storia naturale: "Il gatto è un animale nocivo fatto per distruggerne altri più nocivi ancora". Or questa massima di Buffon si trovò giustificata dall'avvenimento. I gatti non essendo più la per distruggere i sorci, ed i topi, questi pullulavano, e divennero audaci tanto, che un bambino nella culla fu divorato da essi.
Questo fatto che aveva diggià contribuito ad esasperare gli abitanti di Procida, coincise con un altro che non era tale da calmarli. Un uomo il quale malgrado l'editto del Re, avea conservato il suo gatto, sia per affezione a quello, sia per odio ai sorci, fu denunciato, imprigionato, convinto e condannato alla frusta per mano del carnefice, fu fatto andare per l'isola col suo gatto appeso al collo e venne mandato poscia alle galere.
A questa crudeltà, che rassomigliava a demenza, gli abitanti di Procida furiosi presero le armi e, riuniti in corpo, dichiararono che, se l'editto non fosse revocato essi andrebbero a chiedere asilo alle potenze barbaresche, meno crudeli secondo loro, d'un Re, che lasciava mangiare i loro figli dai topi, piuttosto che correre il rischio di veder mangiato dai gatti uno dei suoi fagiani.
Rendiamo giustizia al Re che capì quanto era tirannico questo decreto, e che l'annullò immediatamente.
Estratto da: I Borboni di Napoli".

Purtroppo questa ultima citazione non rende concordi tutti gli storici, infatti secondo quanto citato dalle fonti il decreto rimase vigente per tutto il periodo in cui regnarono i Borboni  .... e questa è la storia dell'amaro destino dei gatti di Procida al tempo dei Borboni.

Carlo III, immagine tratta da Wikipedia

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...