venerdì 25 luglio 2014

Soul of a sailor



CMA Songwriter Series - August, 25, 2011 
Royale Nightclub, Boston, MA 
Kenny Chesney - "Soul of a Sailor"

Via: Country Music Association, Cruising World

giovedì 24 luglio 2014

Rollout, il cargo trailer semovente per bici

Rollout Trailers
Il problema più grosso dei trailer per biciclette è la grande sollecitazione fisica che richiedono, in particolar modo quando si trasportano carichi pesanti come quelli che si vedono in figura, oppure nel corso di pendenze e percorrenze impegnative. 
L'ingegnere americano Brian Bartel ha risolto questa difficoltà dotando il suo carrello, che ha chiamato Brouhaha Rollout, di un motore elettrico, ma l'aspetto interessante di questa realizzazione è che questo provvede solo a se stesso lasciando che il ciclista continui a pedalare normalmente come se dovesse andare da solo con la sua bici, senza toglierli il piacere delle due ruote . 
Tutto ciò è stato reso possibile grazie ad un'alimentazione elettrica controllata da sensori che mantengono a zero la forza necessaria per il traino.
Per ora il Brouhaha è solo un prototipo ma, una volta definiti alcuni dettagli, questo verrà commercializzato entro breve tempo.
La campagna di vendita offre varie opportunità, dal noleggio a 1200 $ per tre mesi, al ritiro dei prototipi usati per 2500 $, fino all'acquisto del nuovo che si aggirerà intorno ai 5000 $. 
Le possibili applicazioni di questo nuovo tipo di carrello per bicicletta sono elencate nella sezione Trailer Apps del sito di Brian, tra queste la più interessante per noi è il trasporto di imbarcazioni, gonfiabili, smontabili o addirittura intere come kayak e canoe.

Brouhaha sullo scivolo, dalla FOTOGALLERY di Rollout
E a questo punto arriviamo al punto importante perché la combinazione di una batteria da 36 V da 500 W garantisce un'autotrazione del carrello fino a 181 kg lordi.
Per concludere il video di Brian.



Via: GIZMAG

mercoledì 23 luglio 2014

Concordia, il viaggio verso Genova: la diretta

Da Video Corriere
Concordia, il viaggio verso Genova: la diretta, è possibile vederla sul sito del Corriere e non ho potuto evitare di commentare questa ultima fase di una tragedia che, assieme a quella della torretta del porto di Genova, ha caratterizzato la storia della nostra marineria degli ultimi anni. 
Non è un caso se ho messo le due tragedie assieme anche se non si assomigliano affatto nelle circostanze, almeno apparentemente perché la faciloneria italiota non è mancata in nessuno dei due casi, ma credo che le conclusioni saranno identiche. Nel primo, probabilmente pagherà solo l'irresponsabile Schettino, ma che ne sarà di una Società che ha delle enormi responsabilità almeno su:
  • le rotte degli inchini?
  • l'affidamento a comandanti e timonieri forse discutibili se ci si dirige verso il Giglio a 15 nodi di velocità e ci si confonde tra dritta e babordo?
  • il non aver capito la gravità della situazione nei momenti critici del naufragio, o no?
  • sulla scarsa dimestichezza dell'equipaggio durante l'emergenza, forse è un eufemismo?
  • non c'è stata qualche carenza nei mezzi di soccorso?
  • e i generatori di emergenza che non funzionano in caso di necessità?
  • ed infine il progetto della nave, le paratie non dovevano garantire il galleggiamento?
A mio parere nell'esito finale di questa tragedia ha giocato molto la fortuna, per quanto ci siano state decine di vittime.
Del secondo incidente, del quale peraltro non si parla più, è immaginabile che si tenterà di dare colpa al "Signor Caso" mentre al di là delle responsabilità dei singoli conduttori di nave e rimorchiatore nel corso dell'operazione, e che dovranno essere accertate, cosa ne sarà della enormi responsabilità della Capitaneria di Porto di Genova almeno su:
  • perché quella torretta era lì, a filo di banchina?
  • perché non è stata fatta una valutazione dei rischi sulla sua presenza in quel punto visto che ci passavano accanto decine di navi al giorno?
  • perché non sono state attuate delle azioni correttive e preventive?
Insomma, con tutto il rispetto di Giudici e Procure, i quali godono della mia massima stima e in particolar modo il bravo Procuratore Capo Verusio, credo che alla fine pagheranno solo i "pesci piccoli", per quanto responsabili.

martedì 22 luglio 2014

Tao : sauvetage réussi en plein Atlantique


Pubblicato il 22/lug/2014 
La mattina del 15 Maggio 2014, la barca francese Tao, trovatasi in mezzo ad una tempesta nel Nord Atlantico è stata capovolta da un'onda anomala. Una grande quantità di acqua ha riempito la barca nel corso del capovolgimento durato circa 5 minuti. 
Sebbene l'equipaggio fosse molto esperto, questo non ha potuto impedire l'affondamento di questa robusta barca di 44 piedi in lega d'alluminio. Un Hercules C-130 statunitense della Guardia Costiera è arrivato ​​rapidamente sulla scena per salvare i naufraghi che alla fine sono stati raccolti da un peschereccio spagnolo. 
Ecco una ricostruzione con l'impressionante filmato girato dalla Guardia Costiera.

Via: Canale Youtube Voilesetvoiliers

Impressionnant!

Vela, cominciare bene: Essere velista



Start Sailing Right


Start Sailing Right è un'interessante pubblicazione promossa dallo Yachting Australia che a me pare ben fatta per la sua struttura a schede e che prevede periodici test di comprensione.
Dopo questo post ne produrrò altri, con lo stesso titolo "Vela, cominciare bene", presente anche nelle etichette, nei quali effettuerò la mia solita maldestra traduzione ed interpretazione dall'originale. Spero possano essere d'aiuto, soprattutto a me stesso, non c'è modo migliore di imparare insegnando, e viceversa.

lunedì 21 luglio 2014

OMG: backing up a canoe trailer proves difficult for a dog and his buddies


Mondiale Microclass, l'Italia partecipa


Di seguito vi giro quanto segnalatomi da Micro Cass Italia che nei prossimi giorni parteciperà al prestigioso mondiale di Berlino con il SAM di Lodigiani.

La Classe Micro Italiana partecipa al mondiale a Berlino con SAM, ITA 3, prototipo Micro progettato e costruito negli anni ’80, da Lodigiani, e ancora molto performante. Grazie al supporto di sponsor tecnici, alla solidarietà e abnegazione dei soci la classe italiana ha raggiunto in soli 3 anni dalla fondazione questo prestigioso obiettivo. Equipaggio di tutto rispetto formato da giovani, ma preparati, provenienti dalla classe Laser, capitanati da Matteo Vanelli anche lui giovanissimo ma con grande esperienza sui "micro” tanto da sbaragliare la concorrenza nel campionato del Verbano.


Il mondiale si svolge dal 19 al 26 luglio a Berlino, ecco il programma ufficiale della 38a Micro Cup: 
Sabato 19 e domenica 20 luglio: Prove di stazza e varo imbarcaizoni 
Lunedì 21 luglio: Cerimonia di apertura. 
Martedì 22 luglio: Voli 1-3, al termine "BBQ dei velisti”. 
Mercoledì 23 luglio: Regata lunga 
Giovedì 24 luglio: Voli 1-5, trasferimento al Reichstag tedesco. 
Venerdì 25 luglio: voli 7-9 
Sabato 26 luglio: volo 10, cerimonia di premiazione.


Per chi è interessato è possibile seguire la nostra avventura sul sito www.microclassitalia.it o sul gruppo omonimo su Facebook. Sito ufficiale della manifestazione: microworlds-berlin.de


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...